Buon 2018

img_7125

Per la prima volta quest’anno abbiamo deciso di salutare l’anno vecchio da soli in montagna… senza parenti, amici. Solo noi 5 (compresa la nostra cagnolina  ovviamente!!)

La macchina super carica non manca mai: alla fine per mille ansia porto sempre più del dovuto anche se, questa volta, eravamo a 20 minuti da casa e forse avrei potuto evitare (va beh me lo metto come buon proposito dell’anno nuovo 😜).

Appena arrivati abbiamo ricreato lo spirito natalizio con l’accensione dell’albero di Natale e del presepe ( gentilmente preparati dai miei genitori 🔝🍾) ma con un tocco in più: il calore del camino!!! Fantastico!!

Dopo aver preso pieno possesso della casa e di ogni suo angolo con abiti, giochi, cibo, palloncini, striscioni e chi più ne ha più ne metta… la sottoscritta si è piazzata ai fornelli per preparare il cenone!!! Ovviamente tutto a base di pesce!

Dopo aver fatto cenare i piccoli, che al momento ancora non gradiscono i nostri menù, abbiamo aperto le danze (e le pance) io e mio marito! Antipasto, primo e secondo piatto… direi che non ci siamo fatti mancare nulla! Ah, dimenticavo i due panettoni post cena… bisogna festeggiare no?! 😂😂

Sono partiti anche i primi fuochi d’artificio per la felicità di mio marito e poi avanti tutta con cartoni animati (amo le festività anche per questo motivo!) e musica ad alto volume!

In tuta devo dire che è tutto più bello, anche festeggiare un anno che non mi ha dato moltissimo anzi…

La mezzanotte si sta avvicinando, la musica è più alta, sul fornello si stanno scaldando le classiche lenticchie, lo spumante è sul tavolo pronto… Alby corre per la sala ridendo, Becky suona la trombetta allegra…

Mi giro

“Meno 15 secondi…”

Colpisco involontariamente Becky

“Meno 9…”

Sento lei urlare e portarsi le mani sul viso: PANICO!

“Meno 3, 2, 1… BUON ANNO!”

La trombetta l’ha graffiata sul palato e a vederlo sul momento sembrava un buco.

Abbiamo perso 10 anni di vita in pochi secondi e alla fine il pronto soccorso ci è sembrata l’unica soluzione per farci stare tutto più tranquilli.

E mentre i fuochi d’artificio coloravano il cielo, noi aspettavamo un medico che visitasse la piccola.

Io ero in auto con Alberto crollato dopo due minuti di viaggio, mentre Rebecca era con il padre dentro l’ospedale.

Non è stata una fine entusiasmante, ma l’ importante è che non sia successo nulla di grave.

Il 31 dicembre tutto si cancella. Dal primo di gennaio tutto riparte…. si riscrive tutto da capo.

Buon inizio a tutti ❤️

Annunci

Autore:

32 anni, mamma di Rebecca e Alberto, studentessa universitaria nei ritagli di tempo e moglie.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...